Il tempio della Dea

Il Tempio della Dea

Associazione di Promozione Sociale e Centro Ricerche per la Partnership

Oggetto: Chiarimenti e Rettifica degli articoli pubblicati sul Corriere in merito al “Tatuaggio Rituale”.


Torino, 11/02/2019
Oggetto: Ringraziamenti per il supporto ricevuto nella vicenda degli articoli pubblicati su Corriere e Foglio.
Care amiche e amici dell’Associazione di Promozione Sociale e Centro Ricerche per la Partnership Il Tempio della Dea,
vi comunichiamo che ad oggi, dopo due settimane di impegno per vedere rispettati i nostri diritti civili e umani e per far luce sulla verità relativa ai fatti esposti in precedenza,
abbiamo ottenuto oltre alle rettifiche, la cancellazione dalla rete internet degli articoli mendaci e diffamanti pubblicati sul conto della nostra Associazione.
Ringraziamo per l’enorme supporto ricevuto: l’Avv. Alessandra Piano e l’Avv.Claudio Bragaglia, per la non scontata umanità, sensibilità e la professionalità dimostrate;
Grazie a:
– tutte e tutti i componenti della nostra Associazione e le associate-i per le numerose manifestazioni di stima e rispetto.
– La Scuola di Formazione del Glastonbury Goddess Temple in Inghilterra; tutto il Gruppo dell’Orchard di Avalon internazionale; Kathy Jones per insegnare credere e diffondere una cultura del MadreMondo; ErinMcCauliff per la grande capacità di ascolto e la lucida costante presenza saggia; Katinka Soetens per essere sempre al nostro fianco; Marion Brigantia. Tutta la Comunità Avaloniana Italiana. Ringrazio in particolare Laura Ghianda per il suo attivismo e lucida presenza costante nel portare un messaggio di equità nel mondo.
– Le donne e gli uomini del Tempio della Dea di Torino in particolare Mirco Horvath, Roberta Pibiri, Sabrina Miglia e Marco Audano, Elena Lippe, Emiliana Losma, Grazia Carlino, Federica Carmana, Gessica Occhionero e Emanuela Lopresti, e davvero tutte le persone della comunità torinese ed italiana.
– Morena Luciani e tutte le donne dell’Associazione Laima. Grazie anche a Luciana Percovich, Daniela Degan.
– Le donne della Casa della Dea Veneto, Anna Bordin, Sara Dissette, Anna Bellon; grazie anche a Eliana Pettenello, Andrea Vernucci. Le donne del Tempio della Dea Marche, Giorgia Giacomini, Giusy Aportone, Elena Chandani Alesiani. Ringrazio anche Maya Vassallo e la comunità romana. Tutte le comunità della Dea italiane dal nord al sud, dalla Sardegna alla Sicilia.
– La Presidentessa dell’UCN Sara Gamberoni e tutta la vasta Comunità Pagana e Neopagana italiana, che ha dimostrato di essere unita nelle differenze.
– Rhea Bertorelli del Tempio di Callaighe.
– Le persone che ci conoscono e anche quelle che non ci conoscono direttamente e che hanno espresso solidarietà e supporto.
– Tutti i professionisti e le professioniste che ci hanno aiutato a diventare ciò che siamo, in questi lunghi vent’anni di studio e di lavoro e in questi ultimi cinque anni di esistenza della nostra Associazione.
– Ai siti, i blog e i gruppi che hanno prontamente rimosso gli articoli online che avevano riportato e condiviso, non appena abbiamo loro esposto i fatti, e così non hanno contribuito a diffondere notizie diffamanti quali: Il Cerchio del Lupo e del Drago di Lucca, Bottega della Magia, Parsel Samael di Rebis e Makaniya, Torino News 24.
– Ringrazio la mia famiglia gli amici e le amiche veri, oltre che le persone che mi conoscono e mi stimano e lo hanno ampiamente dimostrato in questi giorni in cui ho ricevuto un grande sostegno,
in questa situazione davvero denigrante, nella quale ho visto la mia immagine e la mia persona, oltre che il mio ruolo e la mia professionalità deliberatamente attaccata e fatta a pezzi da un giornalismo irresponsabile.
Da tutto questo ne esco rafforzata e ancora più cosciente, del mondo e del sistema in cui viviamo, per questo ancora più determinata a diffondere una cultura di pace, di verità, fondata sui valori della cura, del rispetto e dell’amore, del dialogo e della mediazione, della valorizzazione delle differenze. Pronta a migliorarmi e a correggere i miei errori, laddove li compio, pronta a vivere e praticare per una causa in cui da sempre credo: la creazione di una società equilibrata, basata sui principi di cooperazione e partnership, pari opportunità, di equilibrio tra femminile e maschile, cooperazione tra donna e donna, interscambio tra donne e uomini, rispettosa dei diritti inviolabili della persona.
Grazie anche a tutte le persone che non ho nominato e che mi sono state accanto.
Sarah Perini

Torino, 03/02/2019
 
Oggetto: Chiarimenti e Rettifica degli articoli pubblicati sul Corriere in merito al “Tatuaggio Rituale”.
 
Gent.mi/e,
Vi scrivo in merito agli articoli diffamatori e mendaci pubblicati sul conto della nostra Associazione, della mia persona, Sarah Perini, e della tatuatrice Marianna Bevilacqua, oltre che delle persone, serie, professioniste e ricercatrici, che compongono la nostra Associazione.
In quanto, l’articolo uscito sul Corriere dipinge uno scenario falsato e diffamante della nostra realtà, oltre che sui fatti accaduti domenica 27 gennaio 2019 presso una delle nostre sedi.
Durante il Seminario di Presentazione del Tatuaggio Rituale, nel quale era prevista: l’introduzione alla storia del tatuaggio rituale nelle antiche tradizioni e la Meditazione per la scelta del Simbolo personale che le-i partecipanti al seminario avrebbero eventualmente scelto di tatuarsi, recandosi successivamente su appuntamento presso lo Studio Maia Tattoo di Cornaredo diretto da Marianna Bevilacqua;
hanno fatto irruzione le forze dell’ordine: Nas, Polizia Commerciale, Vigili Urbani e Ufficio Asl di Torino, a causa di una mendace segnalazione relativa ad un presunto “studio di tatuaggi abusivo” che si sarebbe trovato nella nostra sede operativa dell’Associazione di Promozione Sociale e Centro Ricerche per la Partnership Il Tempio della Dea di Torino.
 
Dopo il sopralluogo, il Verbale dell’Asl Ufficio Servizi di Igiene di Torino, Nas e Vigili Urbani viene redatto in nostro favore, da cui cito testuali parole: ”Accertato che l’attività di tatuaggio non viene svolta all’interno del Tempio della Dea (…), ma esclusivamente un’attività di meditazione e scelta del tatuaggio che verrà poi eseguito presso lo studio Maia Tattoo. Altresì non viene rilevata la presenza di pigmenti e/o apparecchiature all’interno del luogo. (….)Si sottolinea che i locali risultano in ottime condizioni di pulizia.”
 
Inoltre, non è stata notificata a nessuna di noi nessuna sanzione, e non è stato commesso nessun reato.
 
Ciò detto, nei giorni seguenti il seminario, la testata del Corriere della Sera Cronaca di Torino, pubblica per primo un articolo, cartaceo e online, dai toni scabrosi utilizzando nei nostri confronti termini tendenziosi come: “setta”, “seguaci”, “principesse” (volendo ridicolizzare o mistificare il ruolo delle sacerdotesse), o “a Sarah e alla sua compagna viene notificata una diffida”, quest’ultima notizia totalmente falsa in quanto non ci è stata notificata nessuna diffida, al contrario abbiamo copia del verbale succitato.
 
In seguito a tale articolo, ne viene pubblicato un altro sulla testata Il Foglio. Tutti riportanti le medesime notizie. Articoli atti a vilipendere la mia persona, la nostra realtà Associativa e la nostra attività di Ricerca.
 
Vi comunichiamo che abbiamo ottenuto la pubblicazione della RETTIFICA degli articoli mendaci precedentemente pubblicati sul Corriere della Sera di Torino, la rettifica si trova nell’edizione di domenica 3 gennaio 2019.
 
Ringraziamo della rettifica, e chiediamo gentilmente anche la rimozione degli articoli online dal sito e dalla pagina Facebook del Corriere e del Foglio.
 
Come ben sanno tutte le persone che ci conoscono, che frequentano le attività da noi proposte e svolte nel rispetto della legge italiana, da anni ormai, svolgiamo un lavoro di ricerca storica, antropologica, spirituale e di genere, serio, accreditato e importante nel nostro contesto, facendo la differenza da molte realtà ai quali questi articoli vorrebbero accostarci.
 
Inoltre, tutte le nostre attività sono spiegate approfonditamente, e con massima trasparenza, anche sul nostro sito internet www.tempiodelladea.org, che tutti possono leggere per comprendere adeguatamente la nostra realtà.
 
Attualmente, abbiamo scelto la linea del contenimento della bagarre mediatica, che a noi non interessa, poiché non rientra nelle nostre modalità comunicative che si basano sul rispetto della forma e dei contenuti di valore che crediamo di portare avanti.
 
Infatti abbiamo affidato ai nostri legali, l’Avv. Alessandra Piano e l’Avv. Claudio Bragaglia, tutti gli aspetti relativi alla diffamazione mezzo stampa, i quali hanno richiesto di voler provvedere, ai sensi dell’art.8 L.47/1948, alla rettifica degli articoli, nella collocazione prevista dalla legge e con risalto analogo a quello riservato ai brani degli articoli, e alla rimozione dalla rete internet di tali articoli, comunicando che, in difetto intraprenderemo le iniziative necessarie volte a tutelare la reputazione personale e professionale della nostra associazione e delle nostre persone.
 
Per questo vi chiedo di sostenerci, attraverso l’espressione libera del vostro pensiero, in una forma pacifica e fondata, ma di NON alimentare online, sulle vostre bacheche o pagine di facebook o sui vostri siti personali, la “guerra online”, o la “caccia alle streghe”, con tanto di contro-attacchi che tali articoli vorrebbero aprire per ricevere visibilità, portando avanti modelli comunicativi patriarcali e degradanti.
 
Se possibile, e se lo ritenete giusto, rimuovete o richiedete la rimozione in via bonaria, come noi abbiamo fatto, degli articoli o i riferimenti ad essi, non commentate i suddetti articoli sui siti di riferimento delle testate oppure segnalatene l’infondatezza, ma aiutateci a non essere vittima, più di quanto non lo siamo già, di diffamazioni pubbliche e atti di violenza sociale.
 
Potete condividere e diffondere liberamente questo post, aiutateci a farlo girare e a farlo leggere alle persone che sono interessate a conoscere i fatti.
 
Grazie per tutte le forme di sostegno e di confronto, costruttivo e civile, che vorrete aprire con noi.
 
Dott.sa Sarah Perini,
Presidentessa
Associazione di Promozione Sociale e Centro Ricerche per la Partnership
Il Tempio della Dea.
 
sede legale: Corso Vinzaglio 12 bis, 10121 Torino
sede operativa: via Villar Focchiardo 17, 10139 Torino
info@tempiodelladea.org
www.tempiodelladea.org
telefono +39.3468005113
Codice fiscale: 97795380019

Associazione di Promozione Sociale & Centro Ricerche per la Partnership Il Tempio della Dea
Iscritta al Registro Regionale delle Associazioni di Promozione Sociale della Regione Piemonte con il Codice: n.224/TO,
in conformità ai requisiti previsti dagli artt. 2 e 3 della L.R. n.7/2006, nonchè degli artt.2,3,4 del regolamento di cui al D.P.G.R. 5/r-2006.


 

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

Il tempio della Dea